L’evoluzione animale

l’era dei mammiferi

L’ era Cenozoica viene anche definita l’era dei mammiferi, per via della grande diffusione e rapida evoluzione che questi animali hanno avuto in questo tempo.

E’ qui che appaiono e si evolvono tutte le specie, animali e vegetali, che oggi popolano il pianeta.

L’origine della loro diffusione, è confermato che sia stata in Sud America, da lì si diffusero in tutto il mondo in maniera relativamente rapida. In seguito alla deriva dei continenti avvenuta con la suddivisione del grande continente Pangea, anche i dinosauri si divisero creando nuove specie adattate alle rispettive aree geografiche.

La classificazione animale

Nel XVIII secolo dallo svedese Carlo Linneo è stata introdotta la nomenclatura binomia che consiste di un “nome e cognome” attribuito ad ogni specie animale e vegetale così da poter essere riconosciuta in modo univoco in tutto il mondo.

Secondo la teoria moderna esistono sei regni:

eubatteri (Eubacteria), archeobatteri (Archaeobacteria), protisti (Protista), funghi (Fungi), piante(Plantae) e animali(Animalia).

Per esempio, Camelus dromedarius è il nome scientifico che identifica in tutto il mondo quello che noi chiamiamo comunemente dromedario.

I nomi scientifici hanno una derivazione greca o latina e vengono sempre scritti in corsivo con l’iniziale del primo nome (cioè del genere) in maiuscolo. Il secondo nome identifica la specie che raggruppa animali particolarmente morfologicamente affini.

La classificazione creata da Linneo si basava unicamente su analogie morfologiche o alimentari dei vari organismi. Tuttavia questa classificazione non si è rivelata sempre esatta soprattutto per gli esseri unicellulari.

La classificazione è stata dunque rivista sulla base della filogenesi, cioè sulla ricostruzione delle storie evolutive degli esseri viventi, partendo dalla comparazione dei genomi.

Di seguito un esempio di classificazione

 

il gatto domestico

SOTTOSPECIE: Felis silvestris catus. Designazione secondo la Commissione Internazionale per la Nomenclatura Zoologica.
SPECIE: Felis silvestris, di Schreber, 1175. I gatti di piccole dimensioni.
GENERA: Felis. Linnaeus, 1758.
SUBFAMILIA: Felinae. Felinos incapaces de rugir.
FAMIGLIA: Felidae. Grande e gatti di piccola taglia.
SOTTORDINE: Feliformia. Questo gruppo comprende mammiferi anatomia di un felino.
SOTTOCLASSE: Placentalia. I piccoli rimangono nel grembo della madre per un lungo periodo di tempo.
SOTTOCLASSE: Theria. L’embrione forme nel grembo della madre.
CLASSE: Mammalia. Hanno ghiandole mammarie, i capelli, e le mascelle.
SUBFILO: di Vertebrati. Gli animali con una colonna vertebrale.
EDGE : Chordata. Esistenza di cavo di dorsale.
SUBREINO: Eumetazoa. Sono i tessuti, gli organi, il corpo di massa, ad esempio, i muscoli, i nervi…
REINO: Animalia. Animales.
DOMINIO: Eucarya. I corpi delle cellule con nuclei vero.